cultura
Sab 30 Maggio 2020, 12:45 (8 mesi fa)

Il 2 e 3 giugno 1946 si tenne l’importante referendum istituzionale, indetto a suffragio universale, con il quale gli italiani vennero chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismo e, dopo 85 anni di regno, l'Italia diventava una Repubblica.

Alla luce di quel risultato, il 18 giugno 1946, venne ufficialmente proclamata la nascita della Repubblica Italiana.

Allora l’Italia usciva da una lunga guerra e da un periodo buio della sua storia, oggi il Paese cerca di uscire da un altro periodo buio caratterizzato della pandemia da Covid-19 che ha generato ripercussioni sanitarie, sociali ed economiche, oltre a crisi istituzionali, che sembrano non volersi placare.

La storia ci ha visti ciclicamente entrare ed uscire da momenti bui, ma sempre capaci di rialzare la testa, con la forza delle idee, ma soprattutto con l’azione di ogni Cittadino.

L’Italia però è orgogliosa, l’Italia guarda avanti.

Oggi, più che mai, ognuno di noi ha il dovere di ispirarsi allo spirito comune di unità che ha caratterizzato l’Assemblea Costituente, perché in questo momento di difficoltà e di sconforto generalizzati, oltre che di sofferenza, le scelte che il Paese è chiamato a fare sono complicate, fondamentali ed impellenti.

E’ necessario dare risposte al sacrificio di migliaia di persone che in questa pandemia hanno perso la vita !!!!!

Se oggi ricordiamo la Festa della Repubblica nel tessuto sociale della comunità Castiglionese, in cui vengono vissuti intensi rapporti interpersonali, seppur svuotati di alcuni affetti, è perché il messaggio che deve rimanere forte è di ritrovare i valori fondanti della libertà e della democrazia come stimolo sociale per la rinascita del nostro paese.

Invito, pertanto, l’intera cittadinanza a partecipare alla celebrazione del 74° Anniversario della proclamazione della Repubblica esponendo la bandiera italiana.

Buona Festa della Repubblica a tutti.

IL SINDACO

Avv. Costantino Pesatori

Lettera del Sindaco - 2 giugno